Comune di Cassola

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

«L'area diventò produttiva e commerciale con sindaco Antonio Pasinato»

Comunicato stampa nr. 8

15 settembre 2016

«La storia dell’area Dobru, quella in cui dovrebbe sorgere il nuovo centro commerciale, è lunga: parte nel 1998, con l'Amministrazione Gobbato ma poi si snoda integralmente nel corso delle Amministrazioni di Antonio e Silvia Pasinato. L'ex sindaco non dica quindi che noi scarichiamo le colpe sui nostri predecessori. In realtà è lei che scarica su altri le proprie responsabilità». Il primo cittadino di Cassola non ci sta. Attaccato su più fronti a causa del progetto per la realizzazione di una nuova grande struttura di vendita in via Valsugana, Aldo Maroso torna a ribadire le perplessità del suo esecutivo su un'opera "ereditata" e, documenti alla mano, risponde all'ex sindaco Silvia Pasinato che, interpellata sulla questione, aveva ricondotto la pianificazione dell'area alla metà degli anni '90, ossia a prima delle Amministrazioni Pasinato. «Se avesse taciuto - osserva Maroso - sarebbe stato meglio perché i documenti dicono questo:

- L’area in questione fa parte della variante SS 47 (“Strada mercato”) adottata dall’Amministrazione Gobbato nel ’98. (d.c.c. n. 116 del 17/12/98). La Regione tuttavia all'epoca approvò la variante STRALCIANDO proprio l’area Dobru, che rimase quindi agricola. (delibera G. R. V. 1601 del 11/4/2000)

- L’Amministrazione Pasinato Antonio, in variante al PRG (d.c.c. 17 del 28/03/2001) la fa diventare da agricola a D3 (produttiva e commerciale)

- L’amministrazione Pasinato Silvia con il primo Piano degli Interventi (adottato con d.c.c. 13 del 24/3/2010 e approvato con d.c.c. 60 del 30/7/2010) trasforma l’area in GRANDE STRUTTURA DI VENDITA E PARCO COMMERCIALE

- Nel 2012 (sempre Amministrazione Pasinato Silvia) viene rilasciato il permesso di costruzione e comunicato l’inizio lavori.

Ora chi mi ha preceduto viene a dirmi come muovermi - prosegue l'amministratore - . Ma chi ha governato dal 2001 al 2014 come si è mosso? Fermando il progetto o approvandolo e introitando gli oneri e utilizzandoli a bilancio?».

Maroso interviene poi sulla polemica relativa alla Circonvallazione Est. L'ex amministratrice lo ha infatti invitato a darsi da fare per la risoluzione dei nodi viabilistici della zona con la realizzazione dell'ormai famosa bretella est. «Noi abbiamo seguito sin da subito e molto da vicino l'iter di quell'opera - replica il sindaco -. Un intervento che attualmente è, per priorità, il terzo progetto su 12 che la Regione presenta all'Anas. Il vero problema però è il finanziamento, che non è stato ottenuto nemmeno dalla precedente Amministrazione, al contrario di quanto sbandierato in campagna elettorale». «Silvia Pasinato si vantava di aver portato a casa 40 milioni di euro per la bretella, a suo dire già finanziata - rimarca Maroso -. Un annuncio che si è poi rivelato essere una "bufala". Ora, a distanza di due anni, è lei stessa ad ammetterlo, visto che parla dell'opera come di un "progetto pronto per la fase esecutiva"».

L'IMPEGNO DELL'ESECUTIVO. «L'impegno insomma sarà totale per mitigare il più possibile l'impatto ambientale e viabilistico - ricorda Maroso -. Capisco la posizione degli amministratori di Bassano; nutriamo le loro stesse perplessità. Anche loro d'altro canto si sono trovati in eredità gli altri due grossi centri commerciali sorti a sud della città».

IL PIANO DEGLI INTERVENTI. «Non si può certo dire - aggiungono poi il sindaco e l'assessore Stangherlin - che la nostra Amministrazione non si sia fino ad ora spesa in favore del recupero di suolo e della riqualificazione urbana». Lo scorso giugno è stato adottato un piano degli interventi che prevede lo stralcio di 21 mila metri quadri di superficie produttiva coperta e il recupero di 38 mila metri quadri di superficie agricola. «Non solo - prosegue Stangherlin -. Abbiamo predisposto una serie di norme volte ad incentivare gli interventi di rigenerazione urbana in aree densamente edificate».

Altre Informazioni

  • Firma: Dott.ssa Caterina Zarpellon - cell: 339 8190105 - e-mail: ufficiostampa@comune.cassola.vi.it

Cerca tra i contenuti

  • DATI COMUNE DI CASSOLA

    Indirizzo: Piazza A. Moro 1 - 36022 - Cassola - (VI)

    Telefono: 0424 530201

    Fax: 0424 533523

    E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

    PEC: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

    Partita Iva: 00244550240

    Codice Fiscale: 82000790244

    Tesoreria Comunale: UNICREDIT s.p.a.

    Codice IBAN: IT 57 O 02008 60165 00000 3469854

    Codici per la fatturazione elettronica

    Conto Corrente Postale: 10891364

    Codice catastale: C037

    Codice ISTAT: 024026

  • © Copyright Comune di Cassola 2019

    Aggiornamento a cura del Settore Informatica del Comune